I consigli di opencare: UGO

posted on settembre 2nd 2016 in Opencare with 0 Comments

OC-img_blogpost_UGO

Chi l’ha progettato:

Marco Sangiorgio, Vincenzo Iadisernia, Antonio Ianiero (Unterwelt)

Dove:

Italia

Quando:

2013

Breve descrizione:

UGO è un sistema domotico che dialoga con i dispositivi presenti all’interno dell’abitazione. L’utente può comandarlo vocalmente, essendo un sistema “sempre in ascolto”, in modo tale da evitare di dover intervenire manualmente per il funzionamento dell’impianto di illuminazione, degli elettrodomestici, ecc.
UGO è pensato in particolare per le persone affette da disabilità motorie, per le quali un’azione semplice come la pressione di un pulsante può risultare un ostacolo insormontabile.
Il prototipo è costituito da tre schede elettroniche, Arduino, Raspberry Pi e Asterisk, e risulta essere completamente funzionante.

Le caratteristiche che rendono UGO un progetto “open”:

  • Con quale tipologia di licenza questo progetto è stato pubblicato sul web?
    UGO è solo parzialmente documentato. Per questo motivo non è stato rilasciato sotto alcuna licenza.
  • È possibile clonarlo e/o forkarlo?
    No, poichè solo una parte della documentazione necessaria è stata pubblicata online. Il progetto, tuttavia, è completamente opensource. Quando la documentazione completa verrà pubblicata sarà possibile clonarlo e/o forkarlo.
  • È più conveniente rispetto ai prodotti già presenti sul mercato?
    Sul mercato è possibile trovare numerosi (e costosi) sistemi con comando vocale che permettono di controllare differenti dispositivi della casa.
    UGO, essendo opensource, richiede semplicemente il costo dei materiali necessari.
  • È stata coinvolta una specifica comunità durante il processo di ideazione e progettazione? (il progetto offre una soluzione ai bisogni del progettista o a qualcun altro?)
    Il progetto è il risultato di un’idea di Marco Sangiorgio, la cui moglie, Ada, è affetta da disabilità motoria. Attraverso questo sistema Marco è riuscito a risolvere parte dei problemi della moglie, dandole la possibilità di controllare diversi elementi della casa senza dover muovere alcun dito.

Le caratteristiche che rendono UGO un progetto dedito alla “cura”:

  • È un progetto che risolve un problema medico/sociale/quotidiano per una comunità specifica?
    UGO risolve il problema legato all’interazione con i dispositivi domotici per tutte quelle persone che presentano delle difficoltà nel muovere parti del proprio corpo ed il cui unico mezzo di interazione risulta essere la voce. Perciò questo sistema non risolve un problema medico, ma certamente aiuta a superare un ostacolo giornaliero.

Link:

http://www.unterwelt.it/ugo

WeMake