Strategie di co-design e making nella cooperazione internazionale

posted on giugno 23rd 2016 in Educational & Featured & Progetti with 0 Comments

ouagalab

Dal 22 giugno WeMake è a Ouagadougou, in Burkina Faso con il progetto Makers4Dev – Strategie di co-design e making per l’agricoltura. Al fablab OuagaLab, fablab burkinabè si tiene la prima missione del progetto sostenuto da enti filantropici che hanno investito in varie iniziative per sperimentare nuovi contenuti, processi e metodi nella cooperazione internazionale.

_52150391_burkina

Makers4Dev rientra nel programma sperimentale di Innovazione per lo sviluppo  con il supporto strategico e finanziario di Fondazione Cariplo, Compagnia San Paolo, Fondazione Crt che vedono nell’innovazione digitale un’opportunità e una sfida importante per superare ostacoli irrisolti e aumentare le conoscenze nello sviluppo sostenibile.

Nei 10 mesi di Makers4Dev l’obiettivo è di testare una nuova progettualità e contribuire al percorso di raggiungimento della sovranità alimentare attraverso la tecnologia e la fabbricazione digitale in Burkina Faso. Lo faremo validando un modello di trasferimento di tecnologie e competenze attraverso un processo di design thinking, in particolare nella filiera del miele e in quella del riso. Più dell’80% della popolazione attiva in Burkina è occupata nell’agricoltura e contribuisce per il 40% del PIL e per il 60% alle esportazioni del paese.

WeMake, come fabalab, lavora in networking con il circuito internazionale dei fablab e ha accettato la proposta di co-progettazione da svolgere con Acra, ONG italiana attiva dal 2008 in Burkina, e in collaborazione operativa con  Officine Arduino e Ouagalab, il primo fablab nell’Africa occidentale, indipendente, creato nel 2011 a Ouagadougou e composto da un team di 12 giovani burkinabé.

Cosa farà WeMake?

Fase di Co-progettazione – La prima missione in Burkina prevede un percorso di design thinking e co-design con i makers e gli agricoltori locali per l’individuazione di soluzioni nelle filiere del riso e dell’apicultura. Roberta Ribero del team WeMake sta seguendo l’attività in loco con l’obiettivo di rafforzare le soft skills dei makers burkinabè e dei cooperanti Acra facilitando  il trasferimento di competenze nelle tecniche di co-progettazione, secondo metodologie partecipate e identificare problemi, i bisogni e risorse da cui svilupperemo un prototipo per filiera.

Fase di Prototipazione e test – I Makers di WeMake e Officine Arduino affiancheranno i makers di Ouagalab nella fase di prototipazione e test per realizzare una soluzione sostenibile, replicabile con tecnologie a basso costo. Abbiamo previsto due missioni aggiuntive più un supporto da remoto nei mesi di progetto. L’obiettivo è potenziare competenze tecnologiche dei makers burkinabè, le competenze progettuali e di documentazione in modo che possano far poi evolvere in modo indipendente il prototipo realizzato in un prodotto o servizio reale.

Fase Residenze in Italia – L’ultima fase del progetto prevede un momento di scambio e di accelerazione dei progetti con due residenze di 2 makers di Ouagalab a WeMake (Milano) e Officine Arduino/Fablab Torino (Torino) di 1 settimana ciascuno.

Al termine del progetto, a gennaio 2017, presenteremo i risultati della sperimentazione! Stay tuned!

 

WeMake