Un sabato a Wemake in due minuti e mezzo di video

posted on febbraio 21st 2015 in News with 0 Comments

brandMilano

Il 19 e 20 febbraio, la Sala Napoleonica di via Sant’Antonio 12 ha ospitato il Forum Brand Milano, evento internazionale promosso dall’omonimo Comitato, in collaborazione con Comune, Triennale e Università Statale di Milano. Oltre 50 relatori nazionali e internazionali hanno riflettuto sull’immagine di Milano e sulla sua nuova identità di “città metropolitana”.

milanoecosta

Nel corso del Forum e’ stata presentata in anteprima la serie di filmati brevi Milanoè realizzata dalla Civica Scuola di Cinema, attraverso la partecipazione dei diplomati e in collaborazione con Mattei Digital:

Cinque punti di vista dunque, di persone che a Milano hanno potuto esprimere le loro specificità e che solo attraverso il tessuto connettivo cittadino, ricco e articolato di cui Milano è portatrice, sono emersi quali eccellenze milanesi.

Tra i soggetti presenti nei video e’ presente anche Wemake! La troupe della scuola di cinema e’ stata con noi un intero sabato intervistando Costantino Bongiorno (Wemake Co-founder) e riprendendo i momenti di azione di quella giornata.

Nel video appaiono nell’ordine: Matteo Citterio di Babaulab alla fresatrice,   i partecipanti del workshop sulla fabbricazione beni culturali di Archeolab con Giulio Bigliardi, Sara Savian alla lasercut, il progetto OpenKnit di Gerard Rubio, Claudia Scarpa alle prese con la macchina da maglieria hackerata con Ayab Shield, l’artista Marco Mendeni, il progetto MyChok di stampante al cioccolato, e altri members di Wemake.

Ecco il video da 2 minuti e mezzo:

 

 

Il resto della Playlist con gli altri protagonisti la trovate qui su Youtube.

 

Co-fondatrice di WeMake, makerspace e fablab a Milano dal 2014 - Craftivist, digital strategist e lecturer, mi sono laureata in filosofia, formata nel mondo della comunicazione strategica digitale e nel network del mediattivismo europeo. Dagli anni '00 ho indagato in vari progetti italiani e europei i confini e le potenzialita' dell'open source nella moda e nel design intrecciandoli con la fabbricazione digitale. Dal 2013 al 2017 ho fatto parte del team di Arduino per occuparmi di digital strategy.